You are searching about What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas, today we will share with you article about What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas was compiled and edited by our team from many sources on the internet. Hope this article on the topic What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas is useful to you.

What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas

Cerchiamo, testiamo, esaminiamo e consigliamo in modo indipendente i prodotti migliori: scopri di più sul nostro processo. Se acquisti qualcosa tramite i nostri link, potremmo guadagnare una commissione.

L’origine del fagiolo umile

I piselli dall’occhio (in realtà un fagiolo, ricchi di potassio, ferro, fibre e proteine ​​ma privi di colesterolo e poveri di grassi e sodio) sono originari dell’Africa, dove sono stati un alimento popolare sin dal Medioevo. (Si ritiene che i piselli dall’occhio nero siano stati addomesticati per la prima volta vicino al lago Ciad in Africa, in quella che oggi è la Nigeria nord-orientale e il Camerun settentrionale). Oceano. Nelle Americhe, i coltivatori davano da mangiare i piselli agli schiavi e agli animali domestici. Anche i poveri li mangiavano. Per questi motivi, i piselli dall’occhio avevano la reputazione di cibo dei poveri tra i bianchi benestanti. Tuttavia, gli afroamericani continuarono a preferire il pisello solitario, che divenne un alimento base per l’anima.


Il portafortuna dei legumi

Sebbene i piselli dagli occhi neri (noti anche come fagioli dall’occhio) non abbiano alcun legame folcloristico nell’Africa occidentale con il denaro (alcune persone credono che i piselli simboleggino le monete), sono stati a lungo associati alla buona fortuna per diversi motivi. Una credenza era che gli “occhi neri” del pisello avrebbero protetto dal temuto “malocchio”, un incantesimo negativo lanciato dai propri nemici. Altri mangiavano piselli dall’occhio nero in occasioni di buon auspicio. Ad esempio, il Venerdì Santo, una combinazione di fagioli dall’occhio e crema pasticcera al cocco chiamata frejón è un pasto tradizionale in alcune parti dell’Africa occidentale. Inoltre, un piatto chiamato ewa-Ibeji (che si traduce come “fagioli per gemelli”) era originariamente cucinato con olio e solo per gemelli malati, ma ora è preparato cerimonialmente per gemelli sani. In alcune religioni tradizionali dell’Africa occidentale, i piselli dagli occhi neri erano preparati per adorare una divinità – se si credeva che fosse il loro cibo preferito – nei giorni cerimoniali.

Su questa sponda dell’Atlantico, i piselli dagli occhi neri hanno mantenuto il loro status fortunato. Le persone del patrimonio dell’Africa occidentale li portavano in giro come portafortuna, per scongiurare dannosi incantesimi magici e il malocchio. Le persone del patrimonio dell’Europa occidentale pensavano che i fagioli in generale simboleggiassero la fertilità perché i fagioli secchi, compresi i piselli dagli occhi neri, aumentano di dimensioni quando vengono cotti. Con tutte queste influenze folcloristiche, il pisello dagli occhi neri era destinato a essere un simbolo di buona fortuna.


Qual è il problema con il mangiare piselli dagli occhi neri il giorno di Capodanno?

La tradizione di mangiare piselli dall’occhio nero il giorno di Capodanno è iniziata con gli europei occidentali. Nel periodo coloniale, gli inglesi celebravano il capodanno con la superstizione del “primo piede”. Ralph Whitlock ha scritto nel suo libro Alla ricerca degli dei perduti: una guida al folklore britannico che “la prima persona che mette piede varcata la soglia la mattina di Capodanno deve nella maggior parte dei distretti essere di capelli scuri o di carnagione scura; lui o lei è quindi un portatore di buona fortuna. A volte il primo piè porta un regalo di carbone e pane, che simboleggia il desiderio che la casa non sia mai a corto di combustibile o cibo nel prossimo anno.” A rafforzare ciò c’era la convinzione che qualunque cosa fosse accaduta quel primo giorno, buona o cattiva che fosse, sarebbe accaduta per il resto dell’anno. Nel corso del tempo, gli occhi neri dei piselli sulla propria tavola hanno sostituito l’obbligo di avere uno sconosciuto dagli occhi scuri che bussa alla propria porta il 1 gennaio. In sostanza, gli afroamericani hanno reinterpretato una credenza europea e poi l’hanno presentata ai bianchi del sud come qualcosa che inventato; Le buone vibrazioni che le persone del patrimonio dell’Africa occidentale avevano sui piselli dagli occhi neri si fondevano con le superstizioni europee per produrre una quintessenza della tradizione meridionale.

Qualunque sia la tua opinione su questo particolare legume, spero che ti unirai al divertimento e preparerai una pentola di piselli dall’occhio nero il giorno di Capodanno. È un lancio di monete se la prosperità arriverà o meno sulla tua strada, ma con questa ricetta, almeno salirai alla prospettiva.


Come fare i piselli dagli occhi neri

Questa è una delle prime ricette che ho ricevuto dalla mia defunta madre, Johnetta Miller. Sebbene questa sia una ricetta per i piselli dagli occhi neri, questo è il mio approccio standard per preparare qualsiasi verdura in “stile soul food”.

Black Eyed Peas
Adrian Miller

Fa 8 porzioni

ingredienti

  • 1 chilo di piselli secchi dagli occhi neri o altri piselli
  • 1 stinco di prosciutto affumicato o ala di tacchino affumicato (circa 8 once)
  • 1 cipolla media, tritata
  • Fiocchi di peperoncino tritato, a piacere
  • Sale, a piacere

Preparazione

  1. Sciacquare i piselli e raccoglierli per scartare eventuali noccioli o piselli rotti. Versare i piselli in una grande casseruola e coprire con acqua fredda di 2 pollici. Portarli a ebollizione e cuocere per 5 minuti. Togliere la pentola dal fuoco, coprire e lasciare riposare per 1 ora. (In alternativa, metti i piselli in una ciotola capiente, copri con acqua fredda e lascia riposare a temperatura ambiente durante la notte.)
  2. Nel frattempo preparate un brodo mettendo il garretto o l’ala di tacchino in un’altra casseruola capiente. Coprire con acqua di 2 pollici. Portare a ebollizione, ridurre il fuoco e cuocere a fuoco lento fino a quando il brodo è saporito, circa 1 ora. Scarta il garretto o l’ala.
  3. Scolare il liquido di ammollo dai piselli e aggiungerli al brodo. Assicurati che i piselli siano immersi. Mescolare la cipolla e i fiocchi di pepe.
  4. Cuocere a fuoco lento fino a quando i piselli sono quasi teneri, circa 30 minuti. Salare e continuare a cuocere a fuoco lento fino a quando i piselli sono teneri e ben conditi, circa 10 minuti in più. Servire i piselli caldi.

Se lo desideri, puoi staccare la carne dai garretti di prosciutto o dalle parti di tacchino e aggiungerla al piatto prima di servire.

Questo articolo è tratto dal libro vincitore del James Beard Award di Adrian Miller Soul Food: la sorprendente storia di una cucina americana, un piatto alla volta.

Altro da esplorare:

  • Lo chef John prepara i piselli dagli occhi neri con carne di maiale e verdure
  • Black Eyed Peas fritti
  • Ottieni più ricette Soul Food

Altro da Adrian Miller:

  • 9 cose che devi sapere sul Soul Food
  • Pesce gatto: come cucinarlo e perché è importante per la cultura del cibo dell’anima
  • Gospel Bird: le radici sacre del pollo fritto

Adrian Miller è un autore vincitore del James Beard Award. Storico culinario e giudice certificato di barbecue, Adrian ha tenuto conferenze in tutto il paese su argomenti come Black Chefs alla Casa Bianca, pollo e waffle, salsa piccante, soul food kosher, bevande rosse, soda pop e soul food.


L’origine del fagiolo umile

I piselli dall’occhio (in realtà un fagiolo, ricchi di potassio, ferro, fibre e proteine ​​ma privi di colesterolo e poveri di grassi e sodio) sono originari dell’Africa, dove sono stati un alimento popolare sin dal Medioevo. (Si ritiene che i piselli dall’occhio nero siano stati addomesticati per la prima volta vicino al lago Ciad in Africa, in quella che oggi è la Nigeria nord-orientale e il Camerun settentrionale). Oceano. Nelle Americhe, i coltivatori davano da mangiare i piselli agli schiavi e agli animali domestici. Anche i poveri li mangiavano. Per questi motivi, i piselli dall’occhio avevano la reputazione di cibo dei poveri tra i bianchi benestanti. Tuttavia, gli afroamericani continuarono a preferire il pisello solitario, che divenne un alimento base per l’anima.


Il portafortuna dei legumi

Sebbene i piselli dagli occhi neri (noti anche come fagioli dall’occhio) non abbiano alcun legame folcloristico nell’Africa occidentale con il denaro (alcune persone credono che i piselli simboleggino le monete), sono stati a lungo associati alla buona fortuna per diversi motivi. Una credenza era che gli “occhi neri” del pisello avrebbero protetto dal temuto “malocchio”, un incantesimo negativo lanciato dai propri nemici. Altri mangiavano piselli dall’occhio nero in occasioni di buon auspicio. Ad esempio, il Venerdì Santo, una combinazione di fagioli dall’occhio e crema pasticcera al cocco chiamata frejón è un pasto tradizionale in alcune parti dell’Africa occidentale. Inoltre, un piatto chiamato ewa-Ibeji (che si traduce come “fagioli per gemelli”) era originariamente cucinato con olio e solo per gemelli malati, ma ora è preparato cerimonialmente per gemelli sani. In alcune religioni tradizionali dell’Africa occidentale, i piselli dagli occhi neri erano preparati per adorare una divinità – se si credeva che fosse il loro cibo preferito – nei giorni cerimoniali.

Su questa sponda dell’Atlantico, i piselli dagli occhi neri hanno mantenuto il loro status fortunato. Le persone del patrimonio dell’Africa occidentale li portavano in giro come portafortuna, per scongiurare dannosi incantesimi magici e il malocchio. Le persone del patrimonio dell’Europa occidentale pensavano che i fagioli in generale simboleggiassero la fertilità perché i fagioli secchi, compresi i piselli dagli occhi neri, aumentano di dimensioni quando vengono cotti. Con tutte queste influenze folcloristiche, il pisello dagli occhi neri era destinato a essere un simbolo di buona fortuna.


Qual è il problema con il mangiare piselli dagli occhi neri il giorno di Capodanno?

La tradizione di mangiare piselli dall’occhio nero il giorno di Capodanno è iniziata con gli europei occidentali. Nel periodo coloniale, gli inglesi celebravano il capodanno con la superstizione del “primo piede”. Ralph Whitlock ha scritto nel suo libro Alla ricerca degli dei perduti: una guida al folklore britannico che “la prima persona che mette piede varcata la soglia la mattina di Capodanno deve nella maggior parte dei distretti essere di capelli scuri o di carnagione scura; lui o lei è quindi un portatore di buona fortuna. A volte il primo piè porta un regalo di carbone e pane, che simboleggia il desiderio che la casa non sia mai a corto di combustibile o cibo nel prossimo anno.” A rafforzare ciò c’era la convinzione che qualunque cosa fosse accaduta quel primo giorno, buona o cattiva che fosse, sarebbe accaduta per il resto dell’anno. Nel corso del tempo, gli occhi neri dei piselli sulla propria tavola hanno sostituito l’obbligo di avere uno sconosciuto dagli occhi scuri che bussa alla propria porta il 1 gennaio. In sostanza, gli afroamericani hanno reinterpretato una credenza europea e poi l’hanno presentata ai bianchi del sud come qualcosa che inventato; Le buone vibrazioni che le persone del patrimonio dell’Africa occidentale avevano sui piselli dagli occhi neri si fondevano con le superstizioni europee per produrre una tradizione meridionale per eccellenza.

Qualunque sia la tua opinione su questo particolare legume, spero che ti unirai al divertimento e preparerai una pentola di piselli dall’occhio nero il giorno di Capodanno. È un lancio di monete se la prosperità arriverà o meno sulla tua strada, ma con questa ricetta, almeno salirai alla prospettiva.


Come fare i piselli dagli occhi neri

Questa è una delle prime ricette che ho ricevuto dalla mia defunta madre, Johnetta Miller. Sebbene questa sia una ricetta per i piselli dagli occhi neri, questo è il mio approccio standard per preparare qualsiasi verdura in “stile soul food”.

Black Eyed Peas
Adrian Miller

Fa 8 porzioni

ingredienti

  • 1 chilo di piselli secchi dagli occhi neri o altri piselli
  • 1 stinco di prosciutto affumicato o ala di tacchino affumicato (circa 8 once)
  • 1 cipolla media, tritata
  • Fiocchi di peperoncino tritato, a piacere
  • Sale, a piacere

Preparazione

  1. Sciacquare i piselli e raccoglierli per scartare eventuali noccioli o piselli rotti. Versare i piselli in una casseruola capiente e coprire con acqua fredda per 2 pollici. Portarli a ebollizione e cuocere per 5 minuti. Togli la pentola dal fuoco, copri e lascia riposare per 1 ora. (In alternativa, metti i piselli in una ciotola capiente, copri con acqua fredda e lascia riposare a temperatura ambiente durante la notte.)
  2. Nel frattempo preparate un brodo mettendo il garretto o l’ala di tacchino in un’altra casseruola capiente. Coprire con acqua di 2 pollici. Portare a ebollizione, ridurre il fuoco e cuocere a fuoco lento fino a quando il brodo è saporito, circa 1 ora. Scarta il garretto o l’ala.
  3. Scolare il liquido di ammollo dai piselli e aggiungerli al brodo. Assicurati che i piselli siano immersi. Mescolare la cipolla e i fiocchi di pepe.
  4. Cuocere a fuoco lento fino a quando i piselli sono quasi teneri, circa 30 minuti. Salare e continuare a cuocere a fuoco lento fino a quando i piselli sono teneri e ben conditi, circa 10 minuti in più. Servire i piselli caldi.

Se lo desideri, puoi staccare la carne dai garretti di prosciutto o dalle parti di tacchino e aggiungerla al piatto prima di servire.

Questo articolo è tratto dal libro vincitore del James Beard Award di Adrian Miller Soul Food: la sorprendente storia di una cucina americana, un piatto alla volta.

Altro da esplorare:

  • Lo chef John prepara i piselli dagli occhi neri con carne di maiale e verdure
  • Black Eyed Peas fritti
  • Ottieni più ricette Soul Food

Altro da Adrian Miller:

  • 9 cose che devi sapere sul Soul Food
  • Pesce gatto: come cucinarlo e perché è importante per la cultura del cibo dell’anima
  • Gospel Bird: le radici sacre del pollo fritto

Adrian Miller è un autore vincitore del James Beard Award. Storico culinario e giudice certificato di barbecue, Adrian ha tenuto conferenze in tutto il paese su argomenti come Black Chefs alla Casa Bianca, pollo e waffle, salsa piccante, soul food kosher, bevande rosse, soda pop e soul food.


Video about What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas

Chickpeas And Black Eye Peas

Black Eye Peas are traditionally eaten on New Year’s Day in The South to bring good luck for the coming year. I put a twist on them with my recipe including chickpeas. Deliciousness in a bowl that is perfect for the cold wintertime ahead. Ingredients Follow:

1 LB Dry Chickpeas
1 LB Dry Black Eye Peas
2 Onions
6 Chopped Serrano Peppers
1 QT Unsalted Beef Stock
1 ½ LBS Smoked Pork Neck Bones
1 Stick Unsalted Butter
2 TBSP Hatch Chili Powder or Smoked Sweet Paprika
1 TSP Salt
1 TSP Pepper
Water

Music: Dixie’s Land by the United States Military Academy band, c. 1991 Sony Music Entertainment

Question about What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas

If you have any questions about What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas, please let us know, all your questions or suggestions will help us improve in the following articles!

The article What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas was compiled by me and my team from many sources. If you find the article What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas helpful to you, please support the team Like or Share!

Rate Articles What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas

Rate: 4-5 stars
Ratings: 9605
Views: 52487510

Search keywords What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas

What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas
way What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas
tutorial What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas
What'S The Difference Between Black Eyed Peas And Chickpeas free

Source: www.allrecipes.com